HomeDietaPotrebbe essere il glutine?

Potrebbe essere il glutine?

Sanihelp.it – Il glutine è una un complesso proteico contenuto in tante varietà di cereali, tra cui il frumento, il farro, la segale e l’orzo.

In virtù delle sue caratteristiche fisiologiche e tecnologiche, viene definito una proteina collante: dona infatti elasticità all’impasto e assicura la consistenza e la croccantezza di pane e prodotti di pasticceria.

Secondo i dati forniti dalla Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2020 del Ministero della Salute la celiachia è una patologia al femminile (circa 70%): dei 233.147 celiaci diagnosticati In Italia, 162.883 sono femmine e 70.264 sono maschi (dati al 31/12/2020).

La Lombardia è la regione con maggior presenza di celiaci (42.440); seguono il Lazio (23.633) e la Campania (22.542); Valle d’Aosta (605) e Molise (1.042) sono le regioni con minor presenza di celiaci.

Il numero di diagnosi rilevate rappresenta parzialmente il fenomeno: si stima infatti che la patologia colpisca l’1% della popolazione e che esista quindi un ampio bacino di soggetti a cui ad oggi non è ancora stata diagnosticata la celiachia; a questi soggetti se ne aggiungono altri che ignorano di essere affetti da sensibilità al glutine non celiaca e da altri disturbi glutine correlati.

La celiachia è una malattia autoimmune che può presentarsi in qualunque momento della vita. Nelle persone predisposte geneticamente, l’assunzione di glutine, anche in piccolissime quantità, provoca un’infiammazione cronica.

Questo scatena alcuni disturbi, non solo a carico dell’intestino; dolori alle ossa, gonfiore, mal di pancia, diarrea, cefalea, spossatezza sono i più comuni

Non sempre é facile capire se sintomi tanto aspecifici sono associati al consumo di glutine! Se la celiachia viene diagnosticata tempestivamente, basta seguire rigorosamente la dieta senza glutine – che ad oggi è l’unica terapia disponibile – perché la mucosa intestinale si rigeneri, i valori del sangue tornino nella normalità ed i sintomi diminuiscano: per stare bene e tornare a vivere una quotidianità serena e ricca di gusto.

Ecco perché è molto importante aiutare le persone ad arrivare ad una diagnosi sulla celiachia il prima possibile.

Schär, leader in Italia nel senza glutine, dà il via ad una nuova intensa campagna per sensibilizzare la popolazione sulla celiachia ed altri disturbi correlati al glutine e rendere più semplice il processo diagnostico.

Nei mesi di maggio e giugno, chi manifesta i vari sintomi descritti e non si è ancora sottoposto ad una diagnosi medica, può visitare il sito www.megliosenzaglutine.it e accedere ai servizi dedicati: test on-line di prevalutazione dei sintomi, richiesta di test rapido del sangue e consulenza specialista.

 Il Test dei sintomi è eseguibile con facilità in pochi minuti su www.megliosenzaglutine.it, è un questionario di autovalutazione dei sintomi guida passo passo, attraverso quesiti a risposta multipla, all’identificazione di possibili disturbi glutine correlati.

Il Test rapido del sangue in farmacia si esegue presso le farmacie aderenti all’iniziativa,  verifica in pochi minuti la presenza di anticorpi associati alla celiachia.

Richiederlo è semplice: basta visitare il sito www. megliosenzaglutine.it, scaricare l’elenco delle farmacie aderenti, individuare la più comoda per le proprie esigenze e richiedere il test direttamente presso la farmacia scelta.

Consulenza on line di esperti. Per qualsiasi dubbio, domanda, curiosità sulla celiachia e gli altri disturbi correlati al glutine, o per saperne di più sulla dieta senza glutine, sono a disposizione esperti qualificati, pronti a rispondere alle richieste.

Tramite una veloce registrazione sul sito www.megliosenzaglutine.it sarà possibile inoltrare la propria richiesta e ricevere risposta entro 72 ore.

Video Salute

FonteSchär

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...