Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Coniugare la sana alimentazione con la salute del Pianeta

di
Pubblicato il: 13-10-2020

È questa secondo il Crea la chiave per un futuro sostenibile: occorre scegliere una corretta alimentazione, che sia salutare anche per il pianeta Terra


Coniugare la sana alimentazione con la salute del Pianeta © iStock

Sanihelp.it - è necessario rendere chiaro a tutti che laa salute del Pianeta Terra dipende anche dalle scelte alimentari che facciamo singolarmente ogni giorno. 

Da queste scelte dipendono, inoltre, il contrasto alla fame nel mondo e la lotta alla malnutrizione.

Imparare a pensare in questi termini comporta un cambio di prospettiva nelle abitudini alimentari e negli stili di vita.

Per un consumatore sempre più frastornato tra pubblicità e informazioni di ogni genere, è essenziale trovare nuovi ed efficaci approcci in grado di sensibilizzarlo sulle scelte sane

Informare ed educare è sicuramente una delle mission del CREA Alimenti e Nutrizione che vanta non solo l’aggiornamento e revisione delle Linee Guida Nazionali per una sana alimentazione, ma anche la pubblicazione del Portale AlimentiNUTrizione, una visione d’insieme delle attuali conoscenze scientifiche sugli alimenti e la nutrizione con l’intento di guidare anche il semplice cittadino con maggiore consapevolezza verso stili di vita più sani, equilibrati e sostenibili.  

Per quanto riguarda la creazione di prodotti innovativi, il Crea vanta importanti progetti quali Veggie – Med – Cheeses (Valorisation Of Thistle-Curdled Cheeses In Mediterranean Marginal Areas), che coniuga attenzione alla fascia di mercato animal free, con nuove opportunità di sviluppo per il territorio.

Il progetto, infatti, è incentrato sull’individuazione di metodi di coltivazione sostenibili  (bassi input chimici e idrici) del cardo da cui ottenere caglio vegetale da utilizzare sia nella produzione sperimentale di formaggi normalmente ottenuti con caglio vegetale (Caciofiore e Torta del Casar), sia di formaggi prodotti con caglio animale (Queso de Murcia e Feta).   

In un’ottica di sostenibilità ambientale e in un contesto di economia circolare è fondamentale il recupero,  dagli scarti delle filiere produttive, di nutrienti e molecole bioattive, per lo sviluppo di prodotti funzionali ad elevato valore aggiunto, da impiegare in vari settori produttivi, dall’alimentazione, alla nutraceutica, alla cosmetica fino ad arrivare alla realizzazione di packaging. 

Per esempio, il progetto PROBIS (Processi biotecnologici innovativi e sostenibili per il recupero di molecole di interesse nutraceutico da scarti della filiera ittica) valorizza gli scarti della filiera ittica, recuperando gli omega-3 (DHA, EPA) e la vitamina E in essi contenuti, per reintrodurli successivamente nel settore alimentare, nutraceutico e cosmeceutico. 

La lavorazione degli scarti alimentari per estrarne molecole bioattive, inoltre,  viene eseguita con una serie di protocolli green, processi biotecnologici innovativi e sostenibili per il benessere dei consumatori e la protezione dell’ambiente in un contesto di economia circolare e mirando ad un obiettivo di zero residui.

Come nel caso del progetto EXCornsEED (Separation, fractionation and isolation of biologically active natural substances from corn oil and other side streams), che sviluppa e valida un processo integrato di tecnologie green e sostenibili per il recupero di proteine e molecole bioattive da sottoprodotti di impianti di produzione di bioetanolo e biodiesel da mais e colza, da utilizzare nella formulazione di prodotti funzionali destinati a settori di mercato di elevato valore quali il chimico, l’alimentare (prodotti per anziani e prima infanzia) e il cosmetico.   



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
CREA

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?