Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sogni d'oro

La giusta routine del sonno per affrontare la ripresa

di
Pubblicato il: 08-09-2021

La giusta routine del sonno per affrontare la ripresa © istock

Sanihelp.it - Rituffarsi nella quotidianità dopo una pausa, breve o lunga che sia, non è mai facile. Ripartire con la giusta dose di vitalità richiede uno sprint che spesso viene a mancare.

Una buona soluzione è attuare fin da subito una sana routine del sonno che favorisca migliori performance sia in ufficio che nelle interazioni sociali. Dormire di notte adeguatamente consente di dare il meglio di sé il mattino dopo e rimanere pieni di energia per tutto il giorno, che si traduce in migliori livelli di produttività e prestazioni fisiche e mentali. Secondo l'American Academy of Sleep Medicine la quantità di sonno raccomandata per gli adulti sani è tra le 7 e le 9 ore a notte. 

<Il sonno è uno stimolatore naturale dell'umore> spiega l'esperta. .

< L’idea è quella di visualizzare il proprio organismo come una batteria sotto carica, per almeno 7-9 ore per notte, che al risveglio avrà così tutta la vitalità e la motivazione positiva adeguata per affrontare al meglio la giornata> continua l'esperta. 

Ma quali accorgimenti adottare per riposare bene e ottenere soddisfacenti risultati lavorativi? La risposta arriva dalla dottoressa Verena Senn, neurobiologa e responsabile della ricerca sul sonno di Emma - The Sleep Company. 

Dormire bene fa rima con lavorare meglio. Un riposo notturno ristoratore contribuisce al buonumore e al miglioramento delle relazioni sociali, ma anche a ottenere efficienti prestazioni lavorative. Come una batteria da ricaricare, il corpo necessita di una notte rigenerante per rifocillare fisico e mente e poter quindi affrontare qualsiasi lavoro o compito da svolgere nella giornata successiva.

La dottoressa Senn suggerisce di applicare alcune tattiche per addormentarsi in maniera rilassata e svegliarsi quindi riposati; una buona soluzione è ascoltare musica prima di dormire per dedicarsi un momento di relax così da favorire la diminuzione dei livelli di cortisolo, l'ormone dello stress.

Attenzione al jetlag sociale: la parola chiave è equilibrio tra stile di vita e sonno. È importante provare a conciliare in maniera sana le attività quotidianamente in agenda per evitare il cosiddetto jetlag sociale, ovvero un’alterazione del personale ritmo circadiano (alternanza sonno-veglia) che si verifica quando viene compromessa la quantità del sonno per rispettare obblighi professionali o impegni sociali.

Mentre il corpo vorrebbe riposare e vivere il sonno adeguato per ritemprarsi, la lista di appuntamenti lavorativi e personali dilata le tempistiche e spesso riduce lo spazio da dedicare al sonno, necessario invece per affrontare la to do list del giorno seguente.

È fondamentale dunque concedersi i giusti momenti di recupero notturno per sentirsi energici e di buon umore durante tutta la settimana così da essere pronti a impegnarsi socialmente al momento giusto.Per attivare una salutare routine del sonno, la specialista stila cinque suggerimenti chiave.

Ottimizzare la propria vita sociale stabilendo dei limiti e dando priorità al riposo notturno, per evitare di accumulare debiti di sonno.

Limitare l’utilizzo di device elettronici prima di dormire (smartphone, computer e TV) per ridurre l'esposizione alla luce blu che tende a inibire la produzione di melatonina, l'ormone che induce l’addormentamento.

Stabilire una routine prima di coricarsi, creando un’atmosfera rilassante che favorisca l’addormentamento, come ad esempio abbassare le luci, ascoltare musica piacevole, meditare o leggere.
Implementare le proprie abitudini fitness, cercando di evitare le attività sportive poco prima di andare a letto, in modo da addormentarsi più facilmente.

dichiara la Dottoressa Verena Senn, neurobiologa e responsabile della ricerca sul sonno di Emma - The Sleep Company. "Il sonno è uno stimolatore naturale dell'umore. Dormire bene la notte permette di svegliarsi ogni mattina nella ‘migliore versione di se stessi’, garantendo a mente e corpo il tempo necessario per ricaricarsi e dunque iniziare un nuovo giorno sentendosi energici, recettivi e di buonumore. L’idea è quella di visualizzare il proprio organismo come una batteria sotto carica (almeno 7-9 ore per notte), che al risveglio avrà tutta la vitalità e la motivazione positiva adeguata per affrontare al meglio la giornata".



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?