HomeVita di coppiaLui può essere allergico all'orgasmo

Lui può essere allergico all’orgasmo

Uomo

Sanihelp.it – Eiaculare – spontaneamente, in seguito a masturbazione o durante un rapporto sessuale – e trovarsi immediatamente o entro pochi minuti/ore a manifestare sintomi come estremo affaticamento, debolezza muscolare, febbre, disturbi dell’umore, problemi di concentrazione, congestione nasale, tosse, prurito agli occhi, eruzioni cutanee, che permangono anche per diversi giorni (2-7) prima di scomparire da soli. Un uomo che si trova a vivere una simile condizione comprensibilmente arriva a evitare il sesso. Ed è proprio quello che succede a chi soffre di sindrome da malattia post-orgasmica (o POIS; Post orgasmic illness syndrome).

Fortunatamente si tratta di una condizione rara:  è stata descritta per la prima volta negli ultimi vent’anni e nella letteratura scientifica ne sono riportati meno di sessanta casi. Uno di questi è stato recentemente affrontato in uno studio condotto da ricercatori della William Beaumont School of Medicine – Oakland University (USA), pubblicato sulla rivista scientifica Urology Case Reports e riguarda un giovane di 27 anni che ha cominciato a manifestare i sintomi attorno ai 18 anni, cosa che lo ha portato a sospendere l’attività sessuale, oltre che a rivolgersi a svariati specialisti e a sottoporsi a diversi esami per arrivare a individuare il problema e cercare di risolverlo. Gli studiosi ritengono però che tale condizione possa essere sottostimata, cioè ci siano là fuori molti più uomini che ne soffrono ma ai quali ancora non è stata diagnosticata.

La causa esatta della malattia non è ancora chiara, ma l’ipotesi principale, secondo gli autori dello studio, è che entri in gioco una reazione allergica a una qualche sostanza contenuta nel proprio liquido seminale: un’infezione o una lesione ai testicoli potrebbe favorirne il passaggio di microscopiche quantità nel flusso sanguigno dove verrebbe riconosciuto come estraneo dal sistema immunitario e quindi attaccato. Il giovane protagonista dello studio ha riportato un episodio di epididimite acuta a 18 anni che potrebbe aver innescato la sindrome.

Egli nel tempo ha tentato varie terapie (anche antibiotici), invano, fino a quando gli autori dello studio non gli hanno prescritto un antistaminico (fexofenadina) da assumere quotidianamente: questo ha portato a una riduzione del 90% dei sintomi post-eiaculatori e ha permesso al ragazzo di riprendere l’attività sessuale. «La fexofenadina è un farmaco relativamente sicuro, poco costoso e ben tollerato, ma richiede ulteriori studi su POIS prima che possano essere valutati i suoi benefici terapeutici in questa popolazione selezionata» hanno concluso i ricercatori, aggiungendo: «La nostra esperienza dimostra la fattibilità del trattamento di una malattia complessa con un semplice farmaco e, si spera, verrà replicata in futuri pazienti».

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...