HomeBellezzaSport, scarpe e posture: ecco cosa rovina i nostri piedi

Sport, scarpe e posture: ecco cosa rovina i nostri piedi

Sanihelp.it – Quando i piedi si scoprono, dobbiamo aiutarli a liberarsi velocemente dall’oppressione dei più frequenti fastidi. Per questo Scholl ha preparato un Feet Passport in collaborazione con il dottor Giovanni Babini, dottore in podologia, specializzato in posturologia. 

Primo problema: le callosità o durezze. Spesso si manifestano nel passaggio dall’inverno alla primavera, cioè quando iniziano i primi caldi e le scarpe sono ancora quelle invernali. 

Ma ci sono anche diversi sport che possono provocare callosità: tutti quelli dove il piede è costretto in calzature strette o rigide come il pattinaggio; quelli in cui il piede subisce traumi dorsali come il calcio; quelli in cui il piede subisce pressioni anteriori sulle dita, come nel balletto classico, o pressioni plantari date da salti ripetuti come nel basket e nella pallavolo; quelli in cui il piede è sollecitato in torsioni come nel tennis; quelli in cui il piede è stressato a lungo come nella corsa.

Il consiglio è di usare una crema specifica, con attivi che favoriscono l'esfoliazione della pelle (acido salicilico) e idratano in profondità (acido lattico).

Per quanto riguarda la secchezza ai talloni, non è necessariamente legata a specifici periodi dell’anno. Il problema può manifestarsi in concomitanza delle temperature rigide invernali – che causano una difficoltà di circolazione – oppure nei mesi estivi, a causa di una disidratazione legata alle alte temperature.
 
Una calzatura con un tacco troppo basso (inferiore a 1 cm) o troppo rigido (tacco in cuoio/legno) può non ammortizzare adeguatamente il primo contatto del piede col terreno durante la camminata, portando all’ispessimento della cute del tallone e quindi all’indurimento e secchezza della zona.
 
Colpa anche di una postura sbagliata, che non permette di distribuire correttamente il carico del peso su tutta la pianta del piede e che, al contrario, carica la zona del retro piede, affaticandola.  

Le creme alla cheratina aiutano a rendere i talloni lisci e levigati. La cheratina è una proteina naturale in grado di stimolare la ricrescita e il rinnovamento delle cellule. 

Terzo problema: il rischio di onicomicosi dell'unghia. Tutti gli sport in cui le unghie del piede possono subire traumi (per esempio calcio, danza o alpinismo) o in cui il piede resta per lunghi periodi chiuso in calzature che lo fanno sudare (basket, sci o trekking in montagna) possono essere concause.
 
Più frequente nei mesi primaverili, quando si verificano i primi caldi: il microclima che si instaura all’interno della calzatura diventa molto favorevole allo sviluppo di micosi.
 
Per trattare e migliorare il problema delle unghie deteriorate da micosi esistono prodotti appositi che, penetrando nell’unghia, abbassano il pH e creano un ambiente sfavorevole alla proliferazione dei funghi. 

Torna infine la Stagione del piede, annuale iniziativa Scholl dedicata al footcare, giunta quest’anno alla sua quinta edizione. 

Video Salute

FonteScholl

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...