Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

L'iniziativa della SICPRE

I chirurghi plastici italiani per il Nepal

di
Pubblicato il: 01-05-2015

Sanihelp.it - Un tremendo terremoto come quello del Nepal lascia dietro di sé immense esigenze ricostruttive. Ma non si tratta solo di ricostruire case, ospedali, scuole e vie di comunicazione. Prima di tutto, si tratta di uomini, donne e bambini. Per i loro corpi feriti, spesso straziati, un intervento di chirurgia plastica può fare la differenza e cambiare il corso della vita. Per questo la SICPRE, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, ha lanciato SICPRE pro Nepal, progetto che la vede a braccetto con l’ISAPS, International Society of Aesthetic Plastic Surgery.

«Nelle situazioni di emergenza più che mai – dice Fabrizio Malan, presidente SICPRE - l’unione fa la forza. In questo caso, grazie all’ISAPS, con cui siamo gemellati, è una forza che viene da 95 Paesi del mondo, per un totale di 2.700 chirurghi plastici».

Due le iniziative al via. La prima è una raccolta fondi organizzata dal Resurge International’s Care Fund, con la garanzia che il 100% dei fondi donati verranno devoluti per le missioni in Nepal, a sostegno delle necessità materiali della popolazione. La seconda è la »chiamata» rivolta ai chirurghi, per partire con le missioni umanitarie organizzate dall’Isaps-Leaf Surgical Relief Teams.

«La nostra Società ha una grande tradizione in fatto di missioni umanitarie – dice ancora Malan -. Sono certo che faremo il massimo anche in questo caso». 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SICPRE

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti