HomeFitnessCome ridurre l'ansia da quarantena con lo yoga

Come ridurre l’ansia da quarantena con lo yoga

Pratica e bisogni specifici

Sanihelp.it – La quarantena continua, e tanti stanno sperimentando sintomi legati all'ansia e al panico.

Certo, non si sentono che notizie legate ai contagi e ai morti, e chi non sia più che forte potrà certamente farsi condizionare al punto da iniziare a stare male.

I sintomi dell'ansia sono non solo psicologici, ma anche fisici: molti hanno tachicardia, insonnia, difficoltà respiratorie e di concentrazione.

Ecco perché lo yoga può aiutare, ancora una volta, a ridurre questi disturbi.

Un primo consiglio è quello di trovare una routine, anche piccola, che coinvolga la pratica: alcuni esercizi al mattino, un po' di stretching e respirazione alla sera prima di andare a dormire.

Anche concentrarsi sul respiro può aiutare molto: si chiuderanno gli occhi, ed inspirando ed espirando si percepirà la differenza di temperatura tra l'aria inspirata e quella espirata.

Ci si concentrerà anche sulla sensazione di solidità, quella che si potrà sentire nell'essere seduti sulla sedia o a terra. La parte inferiore del corpo sarà la nostra base, il busto potrà essere il tronco di un albero, e la testa rappresenterà le fronde. Si percepirà, così, un senso di solidità ma anche di libertà.

Anche i mantra potranno servire molto, perché la ripetizione ritmica potrà dare una mano ad allontanare i pensieri negativi.

In particolare, ci si potrà concentrare sulla ripetizione di un mantra semplice come OM oppure So Ham. Ad ogni respiro si farà corrispondere una ripetizione del mantra.

Questi sono solo piccoli, ma efficaci, accorgimenti che tutti potranno mettere in pratica per iniziare, fin da subito, a stare meglio.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...