HomeFitnessBakasana, la posizione del Corvo nello Yoga

Bakasana, la posizione del Corvo nello Yoga

Focus sulle Asana

Sanihelp.itBakasana è la posizione del Corvo.

Un'asana sicuramente impegnativa, ma che può essere approcciata pian piano da tutti.

Sì, perché molti pensano che sia impossibile da praticare, ma se eseguita passo passo può essere un buon modo per sentirsi sicuri e per iniziare con le posizioni sulle mani.

Ecco, quindi, come avvicinarsi alla posizione del Corvo e quali sono i suoi benefici.

Come praticare Bakasana

Per praticare la posizione del corvo, soprattutto all'inizio, si consiglia di porre di fronte al proprio viso un cuscino, o un altro tipo di superficie morbida. Questo aiuterà non solo nel caso di eventuali cadute, ma darà molta più sicurezza dal punto di vista psicologico.

Ci si porterà in posizione accovacciata, appoggiando il peso sulle mani e sui piedi. Pian piano ci si sposterà con il peso in avanti, e si andranno ad appoggiare le ginocchia a livello delle ascelle o un po' più in basso, a metà delle braccia.

Si continuerà a spostare il peso in avanti fino a sollevare i piedi. Ci si terrà in equilibrio sulle mani guardando in avanti e tenendo gli addominali.

Nelle prime pratiche si potrà tenere poco la posizione, per poi aumentare pian piano la tenuta.

I benefici della posizione

Bakasana è una posizione che dona sicuramente forza d'animo e sicurezza. Per questo può essere usata per aiutarsi in tal senso.

A livello fisico, rinforza molto le braccia, i polsi e la schiena, attivando anche la parte addominale.

Aiuta a sviluppare l'equilibrio e la propriocezione.

Controindicazioni alla posizione

Questa posizione dovrebbe essere evitata in gravidanza, nel caso di lesioni alle braccia e nel caso in cui si abbiano rilevanti problemi di equilibrio.

 

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...