HomeSalute BenessereSaluteCollagene, i benefici in ambito estetico

Collagene, i benefici in ambito estetico

Sanihelp.it – La proteina della giovinezza e della bellezza: così viene spesso chiamato il collagene, una delle sostanze presenti in modo naturale nel corpo umano che ha il compito di agire come una sorta di collante tra i vari tessuti contribuendo a tenerli uniti.
Il corpo umano, come noto, è formato per quasi il 70% da acqua, l’elemento più presente: al secondo posto ci sono proprio le proteine, che sono quindi fondamentali, e tra queste un posto di rilievo è da attribuirsi proprio al collagene. Per essere più precisi, il 35% della »parte» proteica dell’organismo è formata dal collagene.
Perché questa proteina è così importante anche a livello estetico, al punto che, già da qualche anno, se ne fa un grandissimo utilizzo per trattamenti ed interventi finalizzati a migliorare l’aspetto esteriore? I motivi sono da ricercarsi proprio nella sua natura, sopra menzionata, di sostanza che serve per tenere uniti i tessuti.

Come funziona il collagene nell’organismo

Nel concreto quando il collagene inizia a scarseggiare, cosa che si riscontra con il passare degli anni a causa del processo fisiologico di invecchiamento che inizia a fare il proprio corso, i tessuti cedono e l’aspetto esteriore ne risente. Questo in considerazione del fatto che i tessuti connettivi sono formati da proteine fibrose, in particolare da elastina e collagene, che vanno a conferire ai tessuti elasticità e resistenza.
Quando si ha una carenza di collagene quindi, i tessuti perdono la loro elasticità: in particolare la pelle, che con il passare degli anni inizia a cedere facendo suonare i primi campanelli di allarme del naturale processo di invecchiamento.

L’uso del collagene in ambito estetico

Ecco perché il collagene trova oggi ampio ricorso in estetica. Quando la sua produzione naturale inizia a venir meno, si tende a cercare di integrare tale carenza facendo ricorso ad un sostegno esterno onde evitare (o quantomeno, arginare) la progressiva perdita di tono dei tessuti. Da evidenziare che questa perdita causa sia cambiamenti estetici sia predita di elasticità dei tessuti, che diventano quindi più a rischio d’insorgenza di infiammazioni e patologie.
Il ricorso a interventi esterni per integrare questa proteina avviene in particolare usando alcune sue varianti più utili all’organismo, per esempio il collagene idrolizzato: come si può vedere sul sito https://www.corpoperfetto.com/collagene-idrolizzato/, questo è molto usato nell’industria della bellezza ed è anche  più utile come integratore, infatti si tratta di un collagene frammentato e quindi ridotto in piccole parti che sono più facilmente assimilabili dall’organismo.

Il collagene idrolizzato

Perché è importante questo processo? Per favorire un’assimilazione più efficace della proteina; il collagene è presente anche in molti alimenti, come nel brodo di pollo, ma non sempre viene assorbito al 100% dall’organismo e quindi si »disperde» durante la digestione.
Il ricorso al collagene idrolizzato sotto forma di integratore serve proprio per evitare questa dispersione, in quanto nella sua forma »frammentata» viene assorbito con maggiore facilità dall’organismo e può garantire risultati che sono fino a 5 volte superiori rispetto alla proteina assunta con il cibo. Per questo motivo il collagene idrolizzato viene integrato da chi ha particolari esigenze di carattere estetico o è alla ricerca di una soluzione per arginare il naturale processo di produzione sempre minore di collagene, a cui si va incontro con il passare del tempo.

Ultime news

Storie di profumi

No alcol in gravidanza

Gallery

Lo sapevate che...