HomeSalute BenessereSaluteNuovo farmaco contro l'epatite C in arrivo anche in Italia

Nuovo farmaco contro l’epatite C in arrivo anche in Italia

Sanihelp.itNuove terapie per il trattamento dell'epatite C, un virus che si stima colpisca circa un milione di italiani. Il rimedio classico, basato sull'uso di interferone e ribavirina, non offre la certezza della guarigione: spesso la malattia, asintomatica nelle prime fasi, persiste nel fegato del paziente, portando prima alla cirrosi epatica e successivamente a insufficienza dell'organo e possibile tumore. Dunque, anche in questo caso, la tempestività delle cure è fondamentale, sebbene la mancanza di segnali all'inizio della patologia renda difficile la risposta immediata.

Il nuovo farmaco si chiama sofosbuvir, ed è stato approvato a metà dicembre dalla Food and Drug Administration, l'ente governativo americano che si occupa della certificazione ed eventuale convalida di alimenti e farmaci; in seguito, a gennaio, ha passato anche il controllo dell'analogo europeo European Medicines Agency, ed è ora in attesa del consenso dell'Aifa, Agenzia Italiana del Farmaco. Prodotto dalla Pharmasset, e successivamente acquisito dal colosso statunitense Gilead, il sofosbuvir impedisce la replicazione del virus dell'epatite C inibendo la RNA polimerasi.

Il vero problema per i malati italiani è appunto l'attesa dell'approvazione dell'Aifa. Per una malattia che spesso, quando si manifesta, è gia troppo tardi per la funzionalità perfetta del fegato, la tempestività è tutto: dunque l'urgenza della terapia, unita al fatto che tale medicina non sia ancora disponibile in Italia, induce i pazienti a guardare a vie alternative per ottenerlo. Siti internet con sedi lontane che promettono la consegna a breve; farmacie di San Marino che hanno già a disposizione le medicine approvate in Europa e in attesa di convalida in Italia; vale tutto in questa corsa contro il tempo, mentre l'Aifa promette una risposta entro giugno e avverte sulla pericolosità di acquistare la sostanza da fonti sconosciute e spesso poco affidabili.

Ma i problemi riguardo alla nuova terapia dell'epatite C non si fermano qui: i costi sono davvero elevati. In America, tre cicli di sofosbuvir costano 20 mila euro l'uno; in Germania, dodici settimane di farmaco possono essere disponibili solo previa spesa di 40 mila euro totali. Cifre certo non per tutte le tasche: in attesa che altre case farmaceutiche producano medicinali similari, di modo da abbassare la quota di mercato, la corsa verso la salvezza rimane davvero proibitiva.  

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...