Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Talassoterapia

Come curarsi con la talassoterapia

di
Pubblicato il: 16-03-2010

Come funziona la talassoterapia nel dettaglio? È necessario sottoporsi a una visita medica? Esistono controindicazioni? Ecco tutto quello che dovete sapere.

Come curarsi con la talassoterapia © Photos.com Sanihelp.it - La scelta del centro dove eseguire trattamenti talassoterapici va effettuata in base allo stato di salute della persona e alle eventuali malattie da curare. Risultati significativi richiedono un soggiorno di almeno una settimana, anche se si consigliano due settimane di permanenza.

Tuttavia, i centri più all’avanguardia propongono anche mini-percorsi di salute di un weekend, con trattamenti differenziati per la donna e per l’uomo e mirati al miglioramento di precisi sintomi e disturbi, oppure al benessere di particolari zone del corpo, per esempio il viso o le gambe.

All’arrivo in genere l’ospite della struttura viene sottoposto a un visita medica generale, per accertare l’idoneità al trattamento. Alcune malattie, infatti, come quelle cardiovascolari o neurologiche, possono essere controindicate, come anche la gravidanza e l’allattamento. La valutazione spetta agli specialisti che operano nel centro.

Vengono eseguiti, per esempio, un ecocardiogramma, esami bioumorali (glicemia, colesterolemia, trigliceridi), test neurovegetativi (misurano frequenza cardiaca, la frequenza del respiro, la pressione arteriosa, ecc.) e analisi più specifiche, su indicazione del medico, come il breath test che, attraverso l'analisi del respiro, fornisce informazioni per la diagnosi di numerosi disturbi, quali l'infezione da Helicobacter pilori, alcune intolleranze alimentari (lattosio, glucosio), infezioni batteriche dell'intestino tenue, ecc., oppure l’halimeter, una metodica non invasiva che analizza il contenuto di alcune sostanze nell'alito (esempio, l'acido solfidrico) per avere informazioni sull'origine dell'alitosi e impostare il trattamento più adeguato.

Generalmente viene eseguito anche un check up cutaneo-basale: vengono analizzati i principali parametri della pelle (sebo, idratazione, acidità ed elasticità), che consentono di individuare il tipo di pelle e i trattamenti più efficaci, e di monitorarne i risultati.
Sulla base di questi test preliminari viene impostato un programma di cura o di mantenimento che sfrutta tutte o alcune risorse della talassoterapia.

In ogni caso, anche se si è in condizioni di salute, è vivamente consigliabile effettuare trattamenti talassoterapici sotto controllo medico.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Presentazione Kalidria Grand Hotel & Thalasso SPA

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti