Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Mediti il suicidio? Parlane col tuo barbiere

di
Pubblicato il: 11-09-2015

Sanihelp.it - «Anche l'uomo più sano e più sereno può risolversi per il suicidio, quando l'enormità dei dolori e della sventura che si avanza inevitabile sopraffà il terrore della morte». Così parlo il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer riguardo un tema piuttosto caro alla letteratura: quello della decisione di togliersi la vita. Ieri, giovedì 10 settembre 2015, è ricorsa la Giornata Mondiale per la Prevenzione dei Suicidi, indetta dalla International Association for Suicide Prevention: le iniziative sono state delle più disparate, ma probabilmente quella più curiosa e degna di nota arriva dalla Gran Bretagna, dove un collettivo di barbieri ha creato un'organizzazione per spingere chiunque soffra di ansia e depressione ad aprirsi e parlarne durante un taglio di capelli.

Il gruppo si chiama Lions Barbers Collective ed è formato da ventuno associati: l'idea è venuta all'hair stylist Tommy Chapman, della Chapman Hair Design di Torquay, Devon, che ha pensato di sfruttare in questo modo il legame privato di fiducia che spesso finisce con l'unire un parrucchiere e il suo cliente appannaggio della salute di quest'ultimo. L'obiettivo è quello di trasformare un semplice negozio dove tagliarsi i capelli in uno spazio sicuro e intimo per l'essere umano, che in questo modo può aprirsi e confidare le proprie afflizioni. Come spesso accade oggigiorno, per la creazione di questa pionieristica associazione Tommy Chapman si è affidato ai social media, in particolare Facebook: l'idea è emersa da una chat all'interno del gruppo denominato New World Barbers, ed è così bastata una sola settimana per creare l'organizzazione, appena in tempo per offrire il proprio contributo alla Giornata Mondiale per la Prevenzione dei Suicidi.

E in effetti la necessità di un aiuto in questo senso, da parte di tutti, sembra quantomai urgente: le stime prodotte dalla IASP mostrano come le statistiche sul suicidio abbiano toccato picchi mai raggiunti, andando a rappresentare la principale causa di morte in Gran Bretagna tra gli under 45. Nel 2013 in Inghilterra e Galles 5140 persone hanno deciso di togliersi la vita: di queste, l'80% sono di genere maschile. Come spesso accade, l'idea di Chapman è derivata da una tragedia personale: un buon amico del barbiere, Alex, ventisette anni, ha infatti deciso di farla finita lo scorso anno. «Uscivamo spesso insieme – ha affermato Tommy durante un'intervista al Telegraph – ma nell'ultimo periodo l'avevo perso di vista perché era in viaggio. Un giorno l'ho incontrato per caso in città: gli ho chiesto se stava bene, e lui mi ha risposto di sì. Il giorno successivo è saltato da un parcheggio ed è morto. Ho pensato: 'Se solo gli avessi dedicato un po' più di tempo...'. È un rimorso che mi ha attanagliato per un po', così ho deciso di far qualcosa di positivo a riguardo: d'altronde, noi barbieri spesso siamo un po' come psicologi. Tra noi e i clienti esiste un rapporto di riservatezza e di fiducia». L'obiettivo principale dei Lions è quello di rimuovere l'aura di tabù che ancora esiste intorno al tema del suicidio: perché parlarne è il primo passo verso l'ottenere quell'aiuto che spesso fa la differenza in una scelta tanto definitiva. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Giornata Mondiale per la Prevenzione dei Suicidi, IASP, Telegraph, Lions Barbers Collective

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti