Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Disturbo Borderline della Personalità: avvisaglie precoci

di
Pubblicato il: 03-07-2019

Disturbo Borderline della Personalità: avvisaglie precoci © iStock

Sanihelp.it - Secondo i dati disponibili  il Disturbo Borderline di Personalità colpisce fino a 3 persone su 100 ed è in grande aumento e in fasce di età sempre più precoci.

Come per qualsiasi disturbo, è fondamentale la tempestività di diagnosi e trattamento: se ne è parlato diffusamente durante il convegno internazionale sul DBP in adolescenza, che si è tenuto recentemente a Brescia e che ha riunito i maggiori studiosi della Global Allience for Prevention and Early Intervention for BPD nell’ambito della IV giornata bresciana sul disturbo borderline, promossa dall’IRCCS Centro San Giovanni di Dio di Brescia e dalla National Education Alliance Personality Disorder (NEA BPD). 

«I primi campanelli d’allarme possono essere rintracciati in età molto precoce e in genere alcuni sintomi di questa malattia sono già presenti intorno agli 11-12 anni e attendere fino a 18 anni per fare diagnosi può rendere inutilmente più difficile la cura. Invece, interventi precoci, psicoterapici e/o psicoeducativi, come la terapia dialettico comportamentale o la terapia basata sulla mentalizzazione nelle loro versioni per adolescenti possono essere utili per evitare che certi quadri diventino patologici e cronici» spiega Roberta Rossi, psicoterapeuta e responsabile dell'unità di ricerca Psichiatria dell’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia, che lavora da anni sul problema.

La ricerca si muove integrando le conoscenze cliniche con i dati proveniente dal mondo della ricerca biologica e oggi si cerca di individuare i marcatori della patologia precoce: «stiamo studiando gruppi di adolescenti  sani, analizzando la presenza di comportamenti impulsivi e l'entità della disregolazione emotiva, che sono tra le caratteristiche tipiche del disturbo con l’idea di ricercare possibili marcatori biologici che possano aiutarci ad identificare persone cosiddette a rischio» conferma Rossi. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio FATEBENEFRATELLI

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?