HomeFitnessTraumi: recupero lento in adolescenza

Traumi: recupero lento in adolescenza

Ricerca

Sanihelp.it – Questo tipo di lesioni agisce sulla memoria di lavoro, la funzione del cervello che consente di elaborare e memorizzare le informazioni a breve termine e che si rivela essenziale nella lettura e nel calcolo mentale.

Dave Ellemberg, autore dello studio e docente del Dipartimento di Kinesiologia a Montreal, spiega: «Le regioni frontali del cervello sono più vulnerabili alle commozioni cerebrali. Queste aree supervisionano le funzioni esecutive responsabili della pianificazione, organizzazione e gestione delle informazioni. Durante l'adolescenza, queste funzioni sono in rapida evoluzione, ciò le rende più fragili allo stress e al trauma. Per molto tempo abbiamo creduto che il cervello di un bambino fosse più plastico e riuscisse quindi a risolvere più rapidamente i problemi causati da un infortunio o dallo stress. Ma ci siamo resi conto che, al contrario, il cervello di un bambino è più vulnerabile».

Gli studiosi hanno coinvolto 96 atleti che sono stati sottoposti a tradizionali test neuropsicologici utilizzati dalla National Hockey League. I risultati sono stati poi confrontati con quelli ottenuti dalla misurazione elettrofisiologica dell'attività della memoria di lavoro. «Le conseguenze per i più giovani sono risultate più drammatiche e durevoli nel tempo. Non dimentichiamo che i lunghi mesi di recupero imposto, impongono ai bimbi e ai ragazzi con commozione cerebrale una pausa dannosa da tutti gli stimoli: niente scuola, niente televisione, nessun videogioco. Questa assenza di stimoli combinata con la conseguenze del problema sulla memoria di lavoro impediscono il pieno superamento del trauma».

FonteAgi

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...