HomeMamma e bambinoPrime mestruazioni, la mamma batte dottor Google

Prime mestruazioni, la mamma batte dottor Google

piccole donne crescono

Sanihelp.it – È vero che quando abbiamo bisogno di un aiuto sempre più spesso ci rivolgiamo a Google. Ma non funziona proprio così quando si tratta di prime mestruazioni. In questo caso non c’è web che tenga: la mamma è sicuramente meglio.

Intimina ha chiesto a 1000 ragazze di età compresa tra 12 e 17 anni di raccontare le loro esperienze con le mestruazioni. L'86% dice di essere stata preparata sull’argomento direttamente dalle madri e una minoranza dagli insegnanti e da amici (36%). Si riduce la percentuale di quante ne parlano con sorelle o fratelli (12%) e stupisce comunque il fatto che Internet è considerato di aiuto solo nel 15% delle ragazze. Fanalino di coda il medico (7%) e i propri padri (6%) per affrontare l’argomento. 

Persiste il senso di vergogna in compagnia degli amici (53%), a scuola (65%) e anche a casa (25%). E solamente 1 su 10 (11%) dichiara di non sentirsi mai in imbarazzo durante le mestruazioni. «Evidentemente si tratta di un tema sentito come intimo e personale e quindi il riferimento è una persona della quale ci si fida. In molti casi è la madre quel riferimento» spiega Roberta Rossi, sessuologa e psicoterapeuta «che per le ragazze é la persona che ha condiviso o condivide la stessa esperienza».

Dopo il successo del Manuale delle Ragazze Meravigliose lanciato un anno fa, è ora disponibile anche la versione audio ascoltabile gratuitamente dal sito Intimina per dare il benvenuto a tutte le giovani ragazze che tra poco (o da poco) dovranno gestire il ciclo mestruale. La versione ascoltabile del nuovo audio book del Manuale delle Ragazze Meravigliose contiene 5 storie di giovani donne che raccontano le proprie esperienze e i loro cambiamenti psico-fisici.

Si tratta di un’interessante esperienza di apprendimento sulla gestione di questo cambiamento fisico e ormonale, ricco di informazioni mediche e consigli pratici per evitare situazioni spiacevoli. Ciascuna situazione descritta è stata studiata per fornire spunti di conversazioni per genitori e figli in questa delicata fase ricca di continui cambiamenti.

Ma come possono muoversi le madri? «Arrivare a conclusioni sbagliate è molto facile, soprattutto quando le risposte sono fatte da deduzioni o da racconti tramandati. È fondamentale invece educare le donne e soprattutto le adolescenti a una scelta consapevole per una migliore gestione del ciclo mestruale» conclude la sessuologa suggerendo anche alcuni accorgimenti per gestire meglio la conversazione sulle prime mestruazioni

COSA Puoi FARE

1. Parla dei cambiamenti del corpo      Il seno si ingrossa (a volte è anche dolente), gonfiore generalizzato, sangue mestruale

2. Spiega che non esiste un’età uguale per tutte    Il range di età va da 8 a 5

3. Aiutala a preparare un kit    un astuccio da portare nello zaino (assorbente o coppetta mestruale, cambio mutandina, salviette umide ed 

        eventuale antidolorifico)

4. Parla dei cambiamenti fisiologici       possibilità di procreare

5. Inizia a parlare della sessualità e dell’importanza del consenso

COSA È MEGLIO EVITARE

1. Non enfatizzare i problemi legati al ciclo

2. Non enfatizzare le false credenze

3. Non sottolineare le differenze tra chi ha già avuto il menarca e chi no

4. Non aspettare che arrivino le prime mestruazioni per parlarne e anticipa l’argomento in modo naturale

5. Non minimizzare le preoccupazioni dei ritardi o delle precocità del menarca ma tranquillizzare e accogliere

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...