HomeNewsMatite, insostituibili anche nell'era digitale

Matite, insostituibili anche nell’era digitale

L'arte dello scrivere

Sanihelp.it – Cosa sarebbe la scrittura senza una matita? Anche nell’era del digitale resta lo strumento principe per tradurre in segno i pensieri, per colorare i sogni e oggi anche per far nascere un fiore! Il 30 marzo ricorre ogni anno, l'International Pencil Day è un'opportunità per celebrare uno degli strumenti di comunicazione più utilizzati al mondo. Non è il telefono, né il fax né il computer, ma un'invenzione molto più antica, vecchia di 450 anni: la matita. 

Quel giorno, nel 1858, l'americano Hymen L. Lipman ricevette il brevetto di una matita con una gomma all'estremità. In realtà le prime matite erano state prodotte a Norimberga già nel 1662. Nel 1785 è il francese Conte, scienziato dell’esercito napoleonico, a inventare la matita moderna con un nucleo di grafite, acqua e argilla.

E oggi nell’era della digitalizzazione, ogni anno vengono ancora prodotte 14 miliardi di matite di grafite.  Del resto uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychology ha rilevato che le regioni del cervello associate all'apprendimento erano più attive quando le persone eseguivano un compito a mano piuttosto che su una tastiera.

Un altro esempio del 2014 ha confrontato gli studenti che prendevano appunti a mano con quelli che prendevano appunti sui laptop. I ricercatori hanno scoperto che gli studenti che usavano i laptop tendevano a scrivere parola per parola ciò che l'insegnante stava dicendo, mentre coloro che prendevano appunti a mano erano più propensi ad ascoltare ciò che veniva detto, analizzarlo per estrarre contenuti importanti e elaborare le informazioni e riformularle con parole proprie. 

Uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychology ha rilevato che le regioni del cervello associate all'apprendimento erano più attive quando le persone eseguivano un compito a mano piuttosto che su una tastiera. La matita è anche attuale. I bambini imparano a scrivere e gli adulti non hanno smesso di prendere appunti con una matita, scarabocchiare o disegnare.

«Con una matita di legno in mano, ti connetti inconsciamente con la natura e rallenti la tua mente. Diversi studi dimostrano che prendere appunti a mano invece di digitarli, consente di ricordare e comprendere meglio le informazioni», spiega Michael Stausholm, CEO di Sprout World azienda che propone una matita del tutto innovativa e sostenibile.

164 anni dopo il brevetto della matita con la gomma, la parte finale che cancella è stata sostituita da una capsula di semi grazie a Sprout, per dare una seconda vita alla matita: basta piantarla infatti quando è ormai troppo corta per scrivere per trasformarla in erbe, fiori, verdure o alberi. Con l'invenzione di una matita contenente semi di alberi, il ciclo di vita della matita è completato.

«La matita viene da un albero, scrivi con esso, lo pianti e fai crescere un nuovo albero. Questa è la bellezza della natura. Quando si progetta un prodotto che non crea sprechi ma, al contrario, restituisce al pianeta, ci incoraggia a fare piccoli gesti nella nostra vita quotidiana. Se posso piantare un pezzo di matita, cos'altro posso fare per proteggere l'ambiente?» afferma Stausholm.

L'ultima proposta nata in casa Sprout? L'eyeliner piantabile. La maggior parte dei prodotti per il trucco, compresi gli eyeliner, sono realizzati con sostanze chimiche e plastiche che generano pile di rifiuti. Si parla ogni anno di 120 miliardi unità di imballaggi, contribuendo alla perdita di 18 milioni di acri di foreste all’anno. Questo nuovo eyeliner è 100% biodegradabile; ha il tappo in sughero e alla fine dell’utilizzo si può piantare trasformandolo in colorati fiori selvatici.

 

 

 

FonteSproud

Ultime news

Storie di profumi

No alcol in gravidanza

Gallery

Lo sapevate che...