HomeTest e psicheA cosa sono dovuti gli scatti di rabbia

A cosa sono dovuti gli scatti di rabbia

Perché una persona è aggressiva e si arrabbia facilmente

Sanihelp.it –  Arrabbiarsi è una reazione del tutto umana, che può avere un lato benefico se incanalata. Può aiutarvi ad andare avanti, a darvi forza. O prepararvi ad affrontare una situazione pericolosa.


La parte del cervello, l'ipotalamo, che reagisce alla rabbia è la stessa che reagisce alla paura manifestandosi come lotta o fuga. Gli scatti d'ira, invece, sono molto diversi e sono estremamente tossici, sia per te che per chi ti circonda…

Attacchi di rabbia, a cosa sono dovuti?

Gli attacchi di rabbia sono scatti d'ira durante i quali si perdono le staffe e si esprimono le proprie emozioni in modo sproporzionato o addirittura inadeguato alla situazione. Si tratta di uno stato emotivo violento e passeggero, un forte senso di insoddisfazione caratterizzato da un'insorgenza e un'intensità improvvise.

Questo tipo di reazione mobilita tutto il corpo e scatena numerose reazioni verbali e/o fisiologiche, più o meno visibili a seconda del grado di rabbia provato.

Le manifestazioni corporee di uno scatto d'ira intenso sono:

Pugni chiusi;

Mal di testa;

Nodo allo stomaco;

Sensazione di caldo e di sudore;

Respirazione rapida;

Difficoltà di concentrazione;

Frequenza cardiaca accelerata;

Tensione alle spalle;

Necessità di camminare, ecc.

Scatti d'ira, quali sono le cause?

Lo scatto d'ira è un sentimento che generalmente deriva dall'interazione tra un desiderio, un'aspettativa e un evento contrario. Le sue cause vanno oltre lo stress e le preoccupazioni della vita quotidiana. Sono piuttosto legate a frustrazioni, privazioni e mancanze sepolte e inespresse.

Un'esplosione di rabbia può anche essere un'emozione che ne maschera un'altra. Potrebbe trattarsi di insicurezza? Mancanza di comprensione? Vergogna? Vulnerabilità? Una ferita che impedisce di essere se stessi?

Quali sono le conseguenze degli scatti d'ira?

Oltre a sembrare una persona arrabbiata e a perdere ogni credibilità, i rischi di un attacco di rabbia sono numerosi e possono avere conseguenze fatali. L'isolamento dal mondo esterno è una delle conseguenze dirette della rabbia eccessiva. Le persone iniziano a evitarvi proprio perché non vogliono scatenare questo sentimento negativo incontrollabile.

La reazione di chi vi circonda è perfettamente comprensibile – a nessuno piace ricevere l'ira degli altri – ma non aiuta la situazione, perché ti sentirai ignorato e questo alimenterà ancora di più la tua rabbia.

Un'esplosione di rabbia rischia anche di interrompere, se non distruggere, le relazioni personali e/o professionali a causa della mancanza di comunicazione.

Devi anche sapere che la rabbia cronica consuma le tue energie e le tue risorse psicologiche. Riduce anche la capacità di concentrazione e di pensiero. Può persino portare alla depressione e ad altre malattie mentali.

Come controllare gli scatti d'ira

1. Non rimanere fermo di fronte a un attacco di rabbia

Se inizi a sentire i sintomi di uno scatto d'ira, muoviti verso il basso. Iniziate facendo un passo indietro rispetto alla persona che avete di fronte, poi sedetevi.

Sedersi (movimento verso il basso) aiuta a ridurre il livello di irritazione e impedisce di fare o dire cose deplorevoli. Se non riesci a stare fermo sulla sedia, sdraiati. Uno studio dell'Università del Texas ha dimostrato che sdraiarsi non stimola l'area del cervello responsabile della rabbia, l'ipotalamo.

2. Provare consapevolmente un'altra emozione

Cosa si può fare per controllare gli attacchi di rabbia quando si ha la sensazione che stiano sfuggendo al controllo? In questo caso, la cosa migliore da fare è provare consapevolmente un'emozione diversa dalla rabbia eccessiva. Prova ad esempio la tristezza, che non solo ti calma un po', ma ti permette anche di esprimere i tuoi sentimenti attraverso il pianto.

3. Per gestire i capricci prova a pensare positivo

È vero che non è sempre facile fare un passo indietro e pensare a qualcosa di diverso dalla causa dello sfogo, ma vale la pena provare!

Una volta seduto o sdraiato, cerca di pensare a qualcosa di positivo nella tua vita. Ci sarà sicuramente qualcosa o qualcuno per cui siete grati, che ti rende felice o orgoglioso. Concentrati su questo! Il pensiero positivo e la gratitudine possono essere di grande aiuto!

4. Controllare gli attacchi di rabbia imparando a mettere le cose nella giusta prospettiva

Quando hai uno scatto d'ira, prova a porti le seguenti domande:

Vale davvero la pena di arrabbiarsi?

C'è qualcosa che si può fare?

Vale la pena di rovinare il momento o il resto della giornata?

La mia risposta è adeguata alla situazione?

L'arrabbiatura risolverà il problema?

Ti renderai subito conto che tutte le tue risposte saranno "No".

Ancora una volta, è difficile porsi queste domande quando la rabbia ha raggiunto il suo apice, ma si può imparare a farlo.

5. Per gestire gli scatti d'ira medita, libera la mente

Come si può gestire uno scatto d'ira utilizzando gli effetti terapeutici della meditazione mindfulness?

Lascia la stanza dove ti sei sentito arrabbiato. Vai in un luogo tranquillo, luminoso e arioso e siediti. Chiudi gli occhi e respira dolcemente ma profondamente. Cerca di non pensare a nient'altro che al tuo ritmo respiratorio finché non ti sentira calmo e pronto a parlare e comunicare in modo non violento.

6. Fare sport

Se sei spesso soggetto a scatti d'ira, potrebbe essere il momento di scaricare le energie praticando un'attività sportiva. Gli sport consigliati in questo caso sono le arti marziali e gli sport da combattimento. Se ti iscrivi a un corso di boxe, ad esempio, avrai la possibilità di sfogare la tua rabbia e di controllarla in modo sano e innocuo.

7. Imparare a esprimersi più spesso

Reprimere le emozioni ti rende una bomba a orologeria pronta a esplodere in qualsiasi momento, contro chiunque e per qualsiasi motivo. Per questo è fondamentale che impari ad ascoltare i tui accessi d'ira, ad accettarli e a condividere i tuoi sentimenti positivi e negativi con chi ti circonda.

8. Capire il motivo degli scatti d'ira

Spesso il motivo dei tuoi scatti d'ira non è quello che pensi. Dietro a un attacco di rabbia potrebbe nascondersi altre emozioni represse. Per gestire questo problema, è necessario trovare la vera ragione che sta alla base della rabbia dentro di te.

Prendi il tempo necessario per considerare i fattori interni che hanno causato il tuo sfogo (rammarico, frustrazione, infelicità, ecc.), poi i fattori esterni (stress, pressione sociale, difficoltà finanziarie, ecc.), quindi parlane con qualcuno di cui ti fidi completamente.

Qualcuno sta avendo un attacco di rabbia? Non giudicarlo troppo in fretta

Innanzitutto, non bisogna mai dimenticare che una persona arrabbiata non è un odiatore, ma una persona bisognosa d'amore. Quindi, se assisti a uno sfogo di rabbia di una persona a te cara, fagli sapere con delicatezza e rispetto che sei lì per ascoltarla e sostenerla.

Mostrati vicino alla persona arrabbiata, prendi coscienza dei suoi sentimenti e riconosci la sua importanza. Fagli domande come: 'Cosa vuoi che faccia per te? Cosa vuoi esattamente da me?'

Una persona arrabbiata ha difficoltà a esprimere i propri sentimenti. In sostanza, pratica l'ascolto attivo. Se vuoi fare le cose per bene, non limitarti ad aiutare la persona arrabbiata a controllare la sua furia in quel momento.

Tornate da lei più tardi o il giorno successivo per fare un passo indietro, parlare con calma della situazione e capire ancora meglio il suo stato d'animo. Puoi anche aiutare gli altri a controllare i loro scatti d'ira raccomandando loro di applicare i consigli di questo articolo!

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...