Advertisement
HomeTest e psicheCome comunicare in modo non violento

Come comunicare in modo non violento

La comunicazione empatica per relazioni armoniose

Sanihelp.it – La comunicazione è un aspetto fondamentale delle relazioni umane, sia in ambito personale che professionale. Tuttavia, spesso le nostre interazioni sono caratterizzate da fraintendimenti, conflitti e tensioni che possono danneggiare i rapporti e il benessere emotivo.


La comunicazione non violenta (CNV) è un approccio che mira a promuovere una comunicazione empatica, rispettosa e collaborativa, favorendo la comprensione reciproca e la risoluzione pacifica dei conflitti.

Cosa si intende per comunicazione non violenta

La comunicazione non violenta, nota anche come linguaggio giraffa, è un metodo di comunicazione sviluppato dallo psicologo Marshall Rosenberg negli anni '60. Questo approccio si basa sull'idea che tutti gli esseri umani hanno bisogni fondamentali e che i conflitti nascono quando questi bisogni non vengono soddisfatti. La CNV mira a creare un dialogo in cui le persone possano esprimere i propri bisogni e sentimenti in modo chiaro e rispettoso, evitando giudizi, critiche o richieste implicite.

La comunicazione non violenta si articola in quattro passaggi principali:

Osservazione: Descrivere i fatti in modo oggettivo, senza giudizi o interpretazioni.

Sentimenti: Esprimere le proprie emozioni in modo sincero e autentico, senza accusare o incolpare gli altri.

Bisogni: Identificare i bisogni sottostanti ai propri sentimenti e comunicarli in modo chiaro.

Richieste: Formulare richieste concrete e realizzabili, che possano soddisfare i propri bisogni e quelli degli altri.

Chi è l'ideatore della comunicazione non violenta o linguaggio giraffa

Marshall Rosenberg (1934-2015) è stato uno psicologo clinico, mediatore e attivista per la pace. Ha sviluppato la comunicazione non violenta come strumento per promuovere la comprensione e la risoluzione dei conflitti in diversi contesti, dalle relazioni personali alle negoziazioni internazionali.

Rosenberg ha fondato il Center for Nonviolent Communication (CNVC) nel 1984, con l'obiettivo di diffondere i principi della CNV in tutto il mondo attraverso corsi di formazione, workshop e pubblicazioni.

Cosa si intende per linguaggio giraffa

Il termine linguaggio giraffa viene spesso utilizzato come sinonimo di comunicazione non violenta. Questa metafora è stata introdotta da Rosenberg per illustrare le caratteristiche della CNV. La giraffa è stata scelta come simbolo per diversi motivi:

Collo lungo: La giraffa ha un collo lungo che le permette di avere una visione ampia e panoramica. Allo stesso modo, la CNV incoraggia a guardare oltre le parole e a considerare i bisogni e i sentimenti sottostanti.

Cuore grande: La giraffa ha il cuore più grande tra i mammiferi terrestri. Questo rappresenta l'empatia e la compassione, elementi centrali della comunicazione non violenta.

Gentilezza: Le giraffe sono animali pacifici e non aggressivi. Il linguaggio giraffa promuove una comunicazione gentile, rispettosa e non violenta.

In contrapposizione al linguaggio giraffa, Rosenberg ha utilizzato il termine linguaggio sciacallo per descrivere una comunicazione basata su giudizi, critiche, etichette e richieste implicite. Mentre il linguaggio giraffa mira a creare connessione e comprensione, il linguaggio sciacallo tende a suscitare difese, conflitti e disconnessione.

Per comunicare in modo non violento, è importante allenare l'ascolto empatico, ovvero la capacità di ascoltare gli altri con apertura e comprensione, senza giudizi o interruzioni. Allo stesso tempo, è fondamentale esprimere i propri bisogni e sentimenti in modo chiaro e rispettoso, evitando accuse o manipolazioni.

La pratica regolare della CNV può migliorare la qualità delle relazioni, favorire la collaborazione e promuovere la risoluzione pacifica dei conflitti in diversi contesti.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...