Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Malumore e tristezza? Il pesce in scatola tira su il morale

di
Pubblicato il: 13-11-2013
Sanihelp.it - Insonnia, sbalzi di umore e affaticamento sono alcuni dei sintomi che colpiscono durante il cambio di stagione. Un aiuto al sorriso viene però dalla tavola: la scelta dei cibi che compongono la dieta può influenzare il tono dell’umore, aiutando a controllare questi sintomi, con un possibile ruolo pèrotettivo anche nei confronti dei disturbi depressivi più gravi.  

«Esiste una relazione nota tra consumo di pesce e buonumore - sottolinea il dottor Andrea Poli, Direttore Scientifico della Nutrition Foundation of Italy –  Il pesce è ricco di omega-3, acidi grassi essenziali che agiscono sulle vie della serotonina, un neurotrasmettitore in grado di regolare il tono dell’umore. Una motivazione in più per consumare regolarmente il pesce. Quello in scatola, oltre a essere pratico e controllato, ha proprietà nutritive analoghe a quelle del pesce fresco, con gli stessi effetti benefici sull’organismo».

Una conferma arriva anche dall’analisi della relazione tra tasso di depressione e consumo di pesce nei diversi Paesi: è emerso che in Giappone la presenza di questa patologia sia circa 50 volte inferiore rispetto a quella di Paesi come Germania, Nuova Zelanda e Canada, luoghi in cui l’abitudine a mangiar pesce è molto meno diffusa rispetto al territorio nipponico. 

Più recentemente, alcuni studi hanno evidenziato l’effetto positivo del pesce sui disturbi dell’umore negli adolescenti e nella popolazione anziana, per la quale il consumo frequente si è dimostrato efficace anche nell’attenuazione della depressione conclamata. L’effetto protettivo del pesce è stato studiato inoltre nelle donne in gravidanza, per le quali il rischio di sviluppare segni e sintomi depressivi è particolarmente consistente.

Sebbene le evidenze non siano a oggi univoche, una ricerca presentata durante l’Experimental Biology Meeting di Washington del 2011 ha dimostrato che l’assunzione di olio di pesce, ricco di acidi grassi omega 3, durate la gravidanza riduce il rischio di depressione post partum
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Rio Mare

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti