Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Madre e nascituro comunicano, anche in caso di ovodonazione

di
Pubblicato il: 30-09-2015

Sanihelp.it - Un recente studio della Fondazione IVI dimostra, per la prima volta nella storia della genetica, che la relazione feto-materna è in grado di incidere sul patrimonio genetico del nascituro, anche quando non sussistono legami biologici fra la futura madre e l’ovulo fecondato.

In sostanza, si dimostra quello che nel 1990 Barker aveva teorizzato quando disse che quello che succede nel grembo materno è più importante di quello che avviene in casa dopo la nascita: la comunicazione tra gestante ed embrione può dare luogo a modifiche del genoma del neonato anche in caso di ovodonazione.

Questo lavoro dimostra che la madre può interferire sull’informazione genetica del figlio, anche quando l’ovulo è il risultato di una donazione. Ciò cambia completamente il paradigma della ovo-donazione e della maternità surrogata, aprendo le porte alla speranza delle madri costrette a ricorrere alla donazione di ovociti.

Questa scoperta dimostra che esiste uno scambio tra endometrio ed embrione, cosa che già si sospettava a causa della coincidenza tra alcune caratteristiche fisiche tra madri e figli nati da ovo-donazione e della incidenza di alcune malattie infantili legate a patologie materne durante la gestazione.

Alcune condizioni nelle quali si possono trovare le donne, infatti, finiscono per modificare le loro cellule (anche quelle dell’endometrio): il tabagismo e l’obesità, per esempio. Questo fa sì che il fluido endometriale cambi e nella sua secrezione venga rilasciata l’informazione genetica della madre che viene assorbita dall'embrione, modificando il suo sviluppo.

Questa comunicazione può portare al fatto che nell’embrione di esprimano o si inibiscano specifiche funzioni, dando così luogo a delle modifiche, il che spiega il processo di trasmissione di malattie come il diabete o l’obesità.

Questa pubblicazione apre la porta alla possibilità di evitare alcune malattie, quando la causa è epigenetica. Sapendo che esiste questo tipo di trasmissione, in futuro saremo in grado di evitarla, ponendo fine alla tendenza di madri obese che danno vita a bambini obesi o, nei Paesi nei quali è permessa la maternità surrogata, dare più importanza alla conoscenza delle abitudini precedenti alla gestazione mantenute dalla madre.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Fondazione IVI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti