Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rimedi naturali

Difficoltà di concentrazione: il recupero con le cure dolci

di
Pubblicato il: 11-04-2017

La primavera porta con sé maggiore affaticabilità, anche a livello mentale. Ecco alcuni accorgimenti che riporteranno corpo e intelletto alla normalità

Difficoltà di concentrazione: il recupero con le cure dolci © Thinkstock

Sanihelp.it - Le difficoltà di concentrazione possono riguardare tutti e possono presentarsi in qualsiasi momento dell'anno. Tuttavia, soprattutto in primavera si verificano fenomeni quali la maggiore affaticabilità sia a livello fisico sia con riferimento ai processi mentali.

Invece di lavorare si vorrebbe poter dormire e anche il compito più semplice sembra un ostacolo insuperabile.

Tuttavia, i rimedi naturali consentono, in questi casi, di sentirsi meglio e anche di recuperare la freschezza mentale necessaria per svolgere le attività quotidiane.

Tra le piante la fitoterapia propone certamente il Ginseng come primo rimedio grazie al quale aumentare la concentrazione. Viene somministrato spesso anche agli studenti in vista di esami importanti. Del Ginseng si utilizza la radice, ma è sempre bene chiedere consiglio all'erborista, in quanto, soprattutto nelle donne, può provocare tachicardia.

Anche il Guaranà è un ottimo rimedio naturale. Anche in questo caso, viene consigliato soprattutto nel cambio di stagione per conferire una sferzata di energia a corpo e mente.

La Rhodiola Rosea viene spesso consigliata e somministrata nei casi in cui alla stanchezza mentale si unisca anche un continuo affaticamento fisico. Infatti, questa pianta viene utilizzata in molti casi dopo una malattia, come le classiche influenze.

I Fiori di Bach possono aiutare a concentrarsi meglio. I due rimedi maggiormente consigliati sono Clematis e Chestnut Bud. La composizione dei fiori può, però, essere ancora più efficace nel caso in cui sia preparata a livello personalizzato.

Lo Yoga Nidra, invece, consente di recuperare velocemente le forze. Il termine Nidra significa Sonno e quella qui proposta è una tecnica che, se ben eseguita, fa percepire a corpo e mente una rigenerazione pari a quella di diverse ore di sonno. In una seduta di questo tipo di yoga, dopo la realizzazione delle classiche posizioni, l'allievo viene portato verso uno stato di profondo rilassamento vigile, nel quale lo si indurrà a rilasciare le tensioni e, allo stesso tempo, a visualizzare elementi precisi, in grado di rendere l'esperienza della seduta di questo tipo di pratica davvero rigenerante.

Infine, anche gli oli essenziali possono essere d'aiuto. Gli agrumi, in modo particolare, aiutano la concentrazione e consentono di svolgere il lavoro o di studiare in una condizione di maggiore freschezza mentale.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Stefania D'Ammicco

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti