Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Prevenzione e cure per farlo vivere sereno

La terza età del cane: i problemi comportamentali

di
Pubblicato il: 23-05-2017

Affetto, un po' di movimento, un'alimentazione controllata e visite periodiche sono necessarie per prevenire e curare eventuali patologie dei cani anziani

La terza età del cane: i problemi comportamentali © Thinkstock

Sanihelp.itLa fase della vecchiaia per il cane è un momento molto delicato della sua vita, sia per il fisico sia per gli organi interni che risentono dei problemi legati all’età, ciò li rende più sensibili ad infezioni e a malattie degenerative. Da qui nascono tutta una serie di esigenze per il pet, come la necessità di riposare, passeggiate meno lunghe e meno faticose, apatia.

È chiaro che un cane anziano non è un cane malato, ci sono infatti tanti cani che invecchiano serenamente e che godono di ottima salute. Se soprattutto il cane è stato sottoposto ad una vita sana, una buona alimentazione e regolari controlli dal veterinario è possibile che possa avere una vecchiaia felice. Ci sono alcuni elementi da non trascurare per curare al meglio il pet quando è anziano. Tra questi, una corretta alimentazione, nutrendolo con cibo ricco di vitamine.

Vediamo quali sono i problemi fisici legati all’età avanzata del pet: problemi, ad esempio, di sovrappeso. Ciò succede a causa dello scarso movimento. Aumento di tartaro, gengiviti, perdita di pelo, problemi di udito e di vista, artrite o insorgenza di tumori. Tra i problemi comportamentali, invece, potrebbero verificarsi comportamenti diversi dal solito, che potrebbero indicare eventuali malattie. Tra questi: morbo di Alzheimer, amnesie e disorientamento, cioè demenza senile, perdita di orientamento, ansia, apatia, irritabilità, alterazione sonno/veglia, comportamento alterato nei confronti delle persone.

Quando il proprietario si accorge di un comportamento differente del suo cane, sarebbe opportuno segnalare questi cambiamenti di umore, di comportamento e interazione al veterinario, questo servirà ad individuare eventuali patologie dell’animale per adoperare la migliore cura e aiutare il cane a vivere meglio e più sereno possibile. Non bisogna dimenticare un aspetto importante: la cura ottima per il pet resta sempre l’affetto, un po’ di movimento, una corretta pulizia, l’alimentazione controllata, visite periodiche e curare le sue esigenze. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
www.whole-dog-journal.com

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti