Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Adrenalina gratuita contro lo shock anafilattico

di
Pubblicato il: 04-05-2005
Sanihelp.it - Una campagna per la diffusione gratuita in tutte le regioni, nelle scuole e nei luoghi di lavoro, dell'adrenalina autoiniettabile per contrastare la più grave delle reazioni allergiche, lo shock anafilattico.
È la proposta della Società italiana di allergologia e immunologia clinica (SIAIC), lanciata in occasione del suo congresso, che si apre oggi a Roma.

«Lo shock anafilattico é in continuo aumento», ha osservato il vicepresidente della SIAIC, Luigi Fontana, dell'università di Roma Tor Vergata.
Difficile, ha aggiunto, avere dati precisi e aggiornati per l'Italia, ma si calcola che ogni anno le vittime siano almeno 300 su un milione di abitanti e che, tra i ricoverati per questa causa, uno su cento muore se non riceve cure tempestive.

A scatenare lo shock anafilattico sono nella maggior parte dei casi (70%-80%) reazioni a farmaci (in primo luogo antibiotici), seguiti da punture di vespe e calabroni (15%-30%) e cibi (10%).

Quella che auspicano adesso allergologi e immunologi è una campagna di prevenzione a tutto campo e la disponibilità gratuita in tutte le regioni dell'adrenalina autoiniettabile, l'unico farmaco in grado di agire tempestivamente, riducendo a zero il rischio di morte.

Il suo costo è purtroppo elevato (87 euro) e il farmaco è gratuito soltanto in alcune regioni (Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e province autonome di Trento e Bolzano) mentre, secondo gli esperti, dovrebbe essere presente in tutti i luoghi, pubblici e privati, dove vivono, studiano o lavorano persone a rischio.
Utilizzare questo farmaco, ha osservato Fontana, è facile perchè viene confezionato come una sorta di biro, si inietta schiacciando un pulsante e non deve essere conservato necessariamente in frigorifero.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ANSA Salute

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti