Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Vademecum anti-panico per genitori

Il bimbo ha la febbre: devo chiamare il pediatra?

di
Pubblicato il: 18-07-2007

Ci sono casi in cui il ricorso al pediatra può aspettare. In altre situazioni invece la chiamata deve essere tempestiva e urgente. Ecco quali sono.

Sanihelp.it - Non appena i bambini stanno poco bene, la tentazione di chiamare subito il pediatra è forte. Però non sempre è necessario farlo subito. Prima si può provare (anche se non è sempre facile) a individuare la causa della febbre, che spesso è un’infezione (della gola, del naso, delle orecchie, delle urine ecc.).
In ogni caso, si può attendere almeno 24-48 ore prima di portare il bambino dal pediatra se i sintomi sono lievi e poco disturbanti (per esempio, il classico raffreddore con starnuti) e/o se il bambino ha più di un anno di età, dandogli nel frattempo un farmaco per tenere bassa la temperatura. Tale attesa è spesso utile perché si chiarisca meglio il quadro clinico.

Invece, è bene consultare urgentemente il pediatra:
- se il bambino ha meno di tre mesi
- se è molto irritabile, piange continuamente ed è difficilmente consolabile
- se è molto sonnolento e si fa fatica a svegliarlo
- se la febbre supera 40° C misurata in sede ascellare, o 40,5° C in sede rettale
- se fa fatica a muovere la testa e il collo
- se scuote violentemente le braccia o le gambe, rigido od abbandonato (convulsioni)
- se ha macchie rosse o scure sulla pelle
- se ha più di 50 respiri al minuto (tra i 3 e i 12 mesi di vita), o più di 40 respiri al minuto (dopo i 13 mesi di vita)
- se ha un forte dolore alla pancia.

Cosa riferire al pediatra al telefono: - l’età del bambino
- quanta febbre ha e come è stata misurata
- da quanti giorni ha la febbre
- altri disturbi associati alla febbre
- se il bambino è stato a contatto, nei giorni precedenti, con persone ammalate
- se il bambino è stato sottoposto da poco a una vaccinazione.

Ricordatevi infine di controllare la temperatura del bambino almeno tre volte al giorno (mattino, pomeriggio e sera), per determinare le sue oscillazioni in relazione al suo comportamento e alla somministrazione dei farmaci.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Quaderni acp 1997; 4(3)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti