Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Coppia

Le coppie "viziose" resistono di più

di
Pubblicato il: 28-07-2009

Condividere il vizio del fumo o dell'alcol con il partner rinforza la coppia (ma non la salute). Lo svelano ricercatori australiani.

Sanihelp.it - Cosa c’entra l’amore: questo è il titolo di una ricerca condotta dall'università nazionale di Canberra, in Australia, presentata alla conferenza dell'Australian Population Association. Il tema centrale si può riassumere in questo semplice quesito: qual è il vero collante di una coppia?

Il titolo della ricerca la dice lunga sui risultati: dell’amore non v’è traccia. Piuttosto, sembra che condividere gli stessi vizi, in particolare il fumo e l'alcol, faccia durare la coppia. Se uno dei partner fuma e l'altro no, il rischio di separazione aumenta del 75-90% rispetto a coppie di non fumatori. Lo stesso vale se la moglie beve più del marito.

Una coppia duratura, ma dalla salute indubbiamente precaria, per lo meno se ci soffermiamo a questi dati. Fortunatamente, però, gli scienziati hanno sottolineato come anche la comune assenza del vizio sia un ottimo collante.

Lo studio, condotto fra il 2001 e il 2007 su 2500 coppie, ha individuato anche altri fattori che possono condurre o meno un matrimonio al fallimento. La probabilità di divorzio, per esempio, è due volte maggiore quando l'età del marito supera di 9 anni o oltre quella della moglie, oppure quando il marito è più giovane di almeno due anni

Il rischio di separazione aumenta, inoltre, anche quando la moglie ha un desiderio assai più forte di avere figli rispetto al proprio partner. Al di là dei semplici valori particolari, sembra, quindi, che il segreto della coppia sia uno solo: essere sulla stessa lunghezza d’onda, pensarla allo stesso modo, condividere le idee, le abitudini e il modo di vedere il mondo. Tutto sommato, nulla di nuovo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Internet

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:
Promozioni:

Commenti