HomeSalute BenessereSalute orale, l'importanza della cura

Salute orale, l’importanza della cura

Salute orale

Sanihelp.it – Quando si parla di salute orale, si parla di salute della bocca. Una bocca sana permette di parlare, sorridere, sentire gli odori, gustare, toccare, masticare, deglutire e comunicare una serie di emozioni con sicurezza e senza dolore o fastidio. La salute orale in sostanza influisce considerevolmente sulla salute generale dell’essere umano. Ne parliamo con la dottoressa Claudia Manicone, specialista in Igiene Dentale presso KIBA Istituto Medico di Milano


Spesso l’igiene orale è associata ad avere un bel sorriso e un alito fresco, ma c’è tanto altro. La salute orale non interessa solo la salute di denti e gengive, bensì l’equilibrio di tutto il corpo; l’evidenzia scientifica ha ampiamente dimostrato una correlazione tra i problemi del cavo orale e patologie sistemiche. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che le malattie orali colpiscano quasi 3,5 miliardi di persone ed è un indicatore chiave della salute generale, del benessere e della qualità della vita.

L’importanza di una corretta igiene orale

Questo perché la bocca è un punto di partenza dei sistemi corporei, di difesa e di immunità. Tra le diverse patologie, la carie dentale non trattata e la malattia parodontale con conseguente perdita di denti sono le malattie infettive più diffuse, e non solo, è stato dimostrato che condizioni specifiche nella cavità orale possono creare focolai di infezione che colpiscono molti altri sistemi vitali, come il sistema cardiovascolare e renale, condizionare patologie come  diabete, patologie polmonari e complicanze sulla gravidanza. Inoltre, ci sono malattie più gravi che si manifestano nel cavo orale, come il cancro orale. Tutte queste malattie sono prevedibili e curabili nelle fasi iniziali, invece nei casi più gravi, le malattie orali possono addirittura portare alla disabilità e persino alla morte.

E’ essenziale, pertanto, promuovere e favorire programmi di prevenzione, terapeutici ed educativi di salute generale.

Fondamentale è mantenere una corretta igiene orale per prevenire o limitare l’insorgenza e/o la persistenza di alcune problematiche sopra citate; dunque, stilare insieme al professionista sanitario un programma personalizzato di igiene orale domiciliare con informazioni e consigli utili per la cura quotidiana del cavo orale, dove il paziente verrà inserito in un programma di mantenimento con sedute periodiche d’igiene orale professionale con cadenza a 3, 4 o 6 mesi.

Per i bambini  

-Tutti i bambini dovrebbero effettuare un controllo odontoiatrico non più tardi dei 5-6 anni di età

– Per la prevenzione della carie, si raccomanda la sigillatura dei solchi e delle fessure.

– Limitare il consumo di alimenti e bevande contenenti carboidrati semplici ed evitare il consumo di cibi ad alta cariogenicità al di fuori dei pasti principali

Sensibilizzare il bambino e la famiglia alle metodiche di igiene orale, con una frequenza

di almeno 2-3 volte al giorno

– E’ preferibile l’utilizzo di dentifricio fluorato nelle concentrazioni adeguate ad ogni età

– E’ preferibile l’uso di pastiglie rivelatrici di placca per aiutare il bambino nel lavaggio dei denti

-L’uso del succhiotto edulcorato e l’uso non nutrizionale del biberon contenente bevande zuccherine devono essere fortemente sconsigliati

– Evitare di mettere a letto il bambino con il succhiotto o un biberon contenente bevande differenti dall'acqua

-Il genitore o care giver deve farsi carico dell’igiene orale del bambino, iniziando le manovre di

pulizia dall’eruzione del primo dente deciduo

-Pulire le gengive del bambino anche prima dell'eruzione dei denti, dopo la poppata, con una garza morbida o uno spazzolino a setole molto morbide; quando spunteranno i primi denti, pulire con uno spazzolino molto morbido

-Evitare comportamenti con scambio di saliva, ad esempio la condivisione del cucchiaio della pappa o del succhiotto, o la pulizia del succhiotto con la propria saliva, lo scambio di saliva durante i giochi.

Per gli adulti 

– Particolare attenzione va posta al tipo e alla frequenza di assunzione degli alimenti, infatti più che l’assunzione di zuccheri, risulta importante la frequenza con cui questi vengono assunti durante l’arco della giornata, in quanto l’elevata frequenza aumenta la probabilità di carie

-E’ preferibile spazzolare i denti almeno due volte al giorno, nello specifico è raccomandabile l’utilizzo di uno spazzolino elettrico, utilizzando il filo o un altro ausilio interdentale come lo scovolino, con l’aiuto di pastiglie rilevatrici di placca

– E’ preferibile l’utilizzo di paste dentifricie fluorate per ridurre l’incidenza di carie

-E’ fondamentale rispettare i richiami di sedute d’igiene orale professionale, personalizzati sulla base del livello di rischio del paziente che dovrebbe essere sempre inserito in un programma di mantenimento corretto

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...