HomeSalute BenessereVip e saluteLuca Ward presta la voce a Make-a-wish Italia

Luca Ward presta la voce a Make-a-wish Italia

Bambini

Sanihelp.it – Non c'è nulla di più concreto della felicità: con queste parole si chiude il nuovo spot della campagna di Natale di Make-A-Wish Italia, la Onlus che dal 2004 realizza i desideri di bambini e ragazzi, dai 3 ai 17 anni, affetti da gravi patologie. «Per ognuno dei nostri bambini la realizzazione di un desiderio non è una semplice esperienza da sommare alle altre, è una spinta positiva e concreta in grado di sostenerli, rasserenarli, infondere loro speranza per il futuro» sottolinea Sune Frontani, Co-Fondatrice e Presidente di Make-A-Wish Italia.

E il video, attraverso l’iconica voce di Luca Ward e l’emozione di vari bambini colti mentre vedono finalmente esauditi alcuni loro sogni,  sottolinea proprio come l'impatto di questi desideri non solo sia positivo, ma anche concreto e misurabile. Infatti, secondo quanto emerso dal Wish Impact Study, studio realizzato nel 2021 dalla Make-A-Wish Foundation of America, le emozioni positive che derivano dall’esprimere un desiderio e dal vederlo esaudito generano, nel 95% dei casi , tangibili benefici nei bambini malati e nelle loro famiglie, in termini di speranza nel futuro e di motivazione nell’affrontare il percorso di guarigione.

La campagna, ponendo l’accento proprio sui risultati dello studio,vuole dimostrare come, oltre alle cure mediche specifiche, è fondamentale prendersi cura dei più piccoli anche a livello psicologico. Ed è qui  che entra in gioco Make-A-Wish adottando e realizzando i desideri dei bambini: sono già 2600 quelli esauditi dalla Onlus italiana.

Attraverso il video realizzato completamente pro bono dall’agenzia Alkemy, già disponibile online e che sarà trasmesso dal 18 dicembre fino al 14 Gennaio dalle principali emittenti televisive, si è quindi invitati a dare il proprio contributo, sostenendo l’attività della Onlus. Per sapere come fare: www.makeawish.it.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...