Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Allarme diabete: prevenirlo si può

di
Pubblicato il: 15-11-2011
Sanihelp.it - Il 14 novembre si è celebrata in tutto il mondo la Giornata del Diabete. Una patologia sempre più diffusa anche nei Paesi in via di sviluppo che arriverà a interessare, secondo le stime diffuse oggi dalla Federazione Internazionale del Diabete, ben 552 milioni di persone entro il 2030. Praticamente un adulto su 10.

Allarmanti i numeri di casa nostra. Secondo un’indagine condotta dall’istituto TNS Gallup per conto di Novo Nordisk il 12,6% degli Italiani - pari a quasi 6,5 milioni di persone- è a rischio, e solo uno su quattro (26%) ne è consapevole. Solo il 50% dei nostri conterranei è inoltre a conoscenza del fatto che il diabete possa causare disturbi cardiovascolari, che rappresentano la principale causa di morte legata alla malattia, ed è responsabile di 75.000 infarti del miocardio e di 18.000 ictus ogni anno.

«Il diabete è una malattia in forte crescita anche nel nostro Paese e riguarda oltre 3 milioni di persone, il 5-6% della popolazione. Negli ultimi 10 anni il numero di persone colpite da questa malattia è quasi raddoppiato in Italia e questi dati ci fanno capire come la crescita nei prossimi anni sarà esponenziale» ha detto Umberto Valentini, Presidente di Diabete Italia, l’organizzazione che raccoglie le principali associazioni di volontariato fra persone con diabete e le società scientifiche della medicina specialistica, generale e dei professionisti sanitari coinvolti nella cura e nell’assistenza. «E’ fondamentale intervenire subito con un’attenta opera di prevenzione, volta a migliorare le conoscenze e gli stili di vita dei nostri connazionali» ha proseguito.

La stragrande maggioranza dei diabetici hanno infatti una malattia di tipo 2: quella legata a obesità, scorretta alimentazione e scarso esercizio fisico.  Cattive abitudini che possono essere mutate partendo da piccoli cambiamenti che ognuno di noi può mettere in atto nella vita di tutti i giorni.

La pratica regolare di esercizio fisico, abbinata all’adozione di una dieta bilanciata, ricca di alimenti colorati (frutta e verdura), di proteine magre (pesce, soia e carni magre) e povera di carboidrati raffinati rappresentano la forma di prevenzione più concreta e «pronta all’uso» per migliorare glicemia, pressione e fermare la diffusione del diabete, che è ormai una vera e propria epidemia.

A testimoniare l’importanza del movimento e di un'alimentazione bilanciata la rielaborazione della prima Piramide Alimentare (ideata dal Ministero dell'Agricoltura degli Stati Uniti nel 1992) ad opera degli scienziati dell'Harvard School of Public Health.
Alla base della nuova Piramide Alimentare troviamo infatti il quotidiano esercizio fisico e il controllo del peso corporeo: fattori che influiscono in maniera determinante sulle possibilità di rimanere sani e che determinano il modo in cui ci si relaziona con il cibo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthCom Consulting

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti