Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rabbia


La malattia è anche conosciuta come:
idrofobia, lissa


Malattia causata da un virus, attacca il sistema nervoso centrale conducendo alla morte e può colpire sia l’uomo sia gli animali come il cane e la volpe. Il vaccino è stato creato nel 885 da Louis Pasteur ed Emile Roux.

Categoria: Malattie infettive


Che cos'è - Rabbia

nascondi

Malattia virale e incurabile

La rabbia è una malattia virale che può colpire sia gli animali sia gli esseri umani provocando encefalite acuta. Si tratta di una patologia che può trasmettersi da una specie all’altra, il contagio avviene solitamente attraverso il morso di un animale infetto come cane e volpe e il decorso della malattia, che si sviluppa dopo un’incubazione che varia da 10 giorni ad un anno, è fatale. La rabbia si evolve in 3 fasi: dopo un primo momento in cui si manifestano sintomi simili a quelli dell’influenza, segue la cosiddetta «rabbia furiosa», caratterizzata da un laringospasmo doloroso, la fase terminale sopraggiunge in fine a seguito della colonizzazione dei tessuti del sistema nervoso centrale da parte del virus. Il vaccino creato da Pasteur può essere somministrato dopo la sospetta infezione, ma dopo la comparsa del laringospasmo non esistono più cure che possano salvare il paziente dalla morte. I cicli epidemiologici della rabbia sono di due tipi: nel ciclo urbano, diffuso in Africa, Asia e Sud America, il cane è il più frequente serbatoio di infezione mentre nel ciclo silvestre, predominante in Europa e in Nord America, il contagio viene diffuso da animali selvatici come volpi e pipistrelli. In Italia ci sono stati vari focolai di infezione che nel corso degli anni hanno interessato la penisola da nord a sud,  l’ultimo caso di rabbia è stato diagnosticato in una volpe il provincia di Trieste nel 1995 e dal 1997 il nostro paese ha ottenuto il riconoscimento di stato indenne dalla rabbia. La rabbia provoca attualmente 55.000 decessi l’anno, il 95% dei casi sono concentrati in Asia e in Africa mentre nella grande maggioranza dei paesi la malattia è stata debellata grazie alla diffusione del vaccino antirabbico che ha eliminato i cani domestici come serbatoi di infezione.
18041


Prevenzione - Rabbia

nascondi

Il vaccino è l'unica prevenzione

Il decorso della malattia è fatale nella quasi totalità dei casi,  ma per ridurre al minimo il rischio di contagio è possibile seguire alcuni semplici accorgimenti: effettuare la vaccinazione antirabbica per gli animali domestici che possono essere portatori del virus come cani, gatti, furetti e conigli; fare attenzione a non entrare in contatto con animali selvatici o randagi che possano essere infetti; in caso si osservino comportamenti inconsueti in animali coi quali si è in contatto, avvertire le autorità preposte alla zooprofilassi. Soprattutto, in caso di morso di animale, è necessario lavare accuratamente la ferita e contattare immediatamente un operatore sanitario per verificare se sia necessario sottoporsi ad una profilassi post esposizione procedendo con la somministrazione del vaccino.

La rabbia è stata una malattia fatale fino alla scoperta del vaccino effettuata da Louis Pasteur e Emile Roux nel 1885 e attualmente l’immunizzazione attraverso la somministrazione preventiva è pratica corrente sia per le popolazioni umane dove viene utilizzata come trattamento preventivo per i soggetti che corrono il rischio di venire a contatto con il virus rabbico o materiale da esso contaminato per motivi professionali (medici, veterinari, biologi, tecnici di laboratorio, operatori di canili, stabulari e simili) nonché per coloro che si espongono al rischio di morsicature o al contatto con animali rabidi (veterinari, guardie forestali, guardiacaccia, cacciatori, personale addetto alla macellazione) in regioni geografiche dove la minaccia del virus è particolarmente elevata.

Per quanto riguarda gli animali domestici, come previsto dalla normativa comunitaria la vaccinazione antirabbica è obbligatoria per tutti gli spostamenti di cani, gatti e furetti da o verso paesi esteri, sia comunitari che extracomunitari. Gli animali devono essere vaccinati contro la rabbia almeno 20 giorni prima della partenza.
 
18043


Sintomi - Rabbia

nascondi

Gli stessi sintomi dell'influenza

I primi segnali della malattia, febbre, cefalea e mialgia, sono del tutto simili a quelli dell’influenza e si manifestano in un lasso di tempo che varia dalle 2 alle 12 settimane dopo il contagio.

Dopo i primi sintomi in poco tempo la situazione evolve verso la seconda fase, chiamata fase di latenza o rabbia furiosa, il malato  a questo punto presenta  la caratteristica idrofobia: la salivazione aumenta notevolmente, cresce il desiderio di bere, ma ad ogni tentativo il dolore causato dal laringospasmo è fortissimo tanto che il paziente mostra una vera e propria paura dell’acqua, da cui l’uso del termine idrofobia per descrivere questo stadio della malattia.

Dopo il manifestarsi di questi sintomi subentra la terza e ultima fase della malattia durante la quale la colonizzazione del sistema nervoso centrale da parte del virus causa l’insorgenza di sintomi neurologici, il paziente presenta dunque anomalie nel comportamento come ansia, insonnia, stato confusionale, paranoia, allucinazioni. Sebbene la sintomatologia prevalente sia di legata ad alterazioni del comportamento, in questa fase nel 25% dei casi può prevalere invece una paralisi che conduce in casi estremi anche all’immobilità totale del malato e  arrivati a questo stadio tranne rarissimi casi, l’esito è sempre fatale.
 
18042


Diagnosi - Rabbia

nascondi

Diagnosi difficile e quasi impossibile

La diagnosi si presenta particolarmente difficile, nella prima fase la malattia presenta infatti sintomi simili a quelli di una comune influenza e proprio per questo motivo la diagnosi clinica non è affidabile. La diagnosi definitiva può essere effettuata solo post mortem sul Sistema nervoso Centrale attraverso test come l’immunofluorescenza diretta (FAT) e l’isolamento del virus tramite coltura cellulare (RTCIT).

A conferma della diagnosi viene impiegato come test definitivo la reazione a catena della polimerasi, comunemente nota come PCR (Polymerase Chain Reaction), una tecnica di biologia molecolare. La diagnosi sull’uomo può essere effettuata anche attraverso l’analisi di saliva, urine e campioni di liquido cerebrospinale, anche se il margine di errore risulta in questi casi più elevato. Anche l’animale dal quale si è ricevuto il morso potenzialmente infetto dovrebbe essere esaminato e sottoposto ad analisi.

Dal 1979 ad oggi sono stati diagnosticati in Europa 14 casi di rabbia nel cane di cui il più recente risale alla fine del 2008 in Germania in un esemplare di cane importato dalla Croazia mentre per quanto riguarda l’uomo in Italia  casi indigeni sono stati segnalati dal 1946  al 1968, da allora sono stati diagnosticati tra casi d’importazione: due dall’India nel 1970 e nel 1977 e uno dal Nepal nel 1996
18044


Cura e Terapia - Rabbia

nascondi

Protocollo di cura in via di sperimentazione

La rabbia è una patologia incurabile, una volta che la malattia giunge alla sua seconda fase non esiste infatti nessuna terapia specifica in grado di salvare il paziente.In caso di sospetto contagio e in presenza di situazioni a rischio è necessaria la somministrazione del vaccino entro 10 giorni al fine di impedire gli ulteriori sviluppi dell’infezione.

Nel 2004 negli Stati Uniti è stato documentato il caso di una paziente sopravvissuta all’infezione senza il tempestivo uso del vaccino grazie al quale è stato possibile elaborare un protocollo sperimentale di cura, denominato  Milwaukee protocol. Si tratta di un trattamento attualmente ancora in fase di sperimentazione che prevede l’induzione del coma farmacologico nel paziente tramite somministrazione di ketamina, midazolam e fenobarbital al fine di sedare l'attività cerebrale e cercare di limitare i danni, in concomitanza il paziente viene sottoposto a terapia antivirale a base di ribavirina e amantadina.

Altri casi sono stati trattati applicando questo protocollo, ma sino ad oggi la percentuale di regressione della malattia rimane molto bassa.
 
18045


Glossario per Rabbia - Enciclopedia medica Sanihelp.it

 - Contagio
 - Contagio
 - Encefaliti
 - Zooprofilassi
 - Virus
 - Sistema nervoso
 - Immunizzazione
 - Liquor
 - Saliva
 - Urina
 - PCR
 - Fta-abs


Farmaci

 - RABIPUR*1FL 1D 1ML+1F C/SIR
 - RABIPUR*1FL 1D 1ML+1F SOLV
- Vedi tutti i farmaci

Tag cloud - Riepilogo dei sintomi più frequenti

accidente sensazione di acqua che scorre affanno affaticabilità agitazione disturbi dell'alimentazione anoressia apoplessia diminuzione dell'appetito disturbi dell'appetito fame di aria aritmia asfissia assenza astenia batticuore alterazioni del battito cardiaco accelerazione del battito rallentamento del battito bradicardia sensazione di bruciore sensazione di caldo e freddo cardiopalmo cefalea repulsione per il cibo colpo coma confusione perdita di conoscenza paralisi di metà del corpo perdita di coscienza aumento del ritmo del cuore diminuzione del ritmo del cuore sensazione di indurimento della cute debolezza deformazione deformità difficoltà della deglutizione diaforesi dimagrimento diplopia disfagia dismorfismo dispnea eccitabilità eccitazione ematemesi emicrania emiparesi emiplegia esauribilità mancanza della fame febbre mancanza del fiato alterazione della forma formicolii mancanza delle forze aumento della frequenza cardiaca diminuzione della frequenza cardiaca irritazione alla gola impazienza inappetenza ipersalivazione ipertermia ipotensione irrequietezza irritabilità lacrimazione lipotimia malformazione mialgie midriasi miosi perdita completa della mobilità perdita della mobilità aumento del tono dei muscoli dolore ai muscoli ipertonia dei muscoli rigidità dei muscoli nausea nervosismo obnubilamento lesioni all'occhio palpitazioni paralisi paresi parestesie sensazione di indurimento della pelle calo di peso sensazione di pizzicore irregolarità del polso pressione bassa diminuzione della pressione del sangue ptialismo pulsazioni veloci aumento delle pulsazioni irregolarità delle pulsazioni alterazioni delle pupille differente diametro delle pupille dilatazione delle pupille restringimento delle pupille sensazione di ragnatela sul viso rallentamento raspino in gola difficoltà della respirazione difficoltà di respiro mancanza del respiro alterazioni del ritmo cardiaco aumento del ritmo diminuzione del ritmo aumento della produzione di saliva scialorrea perdita dei sensi disturbi della sensibilità sincope snellimento senso di soffocamento sonnolenza sensazione di puntura di spilli spossatezza necessità di sputare stanchezza strabismo stupore sudorazione sudorazione notturna sudori freddi suscettibilità svenimento tachicardia innalzamento della temperatura male di testa torpore tosse tosse secca traspirazione visione doppia visione strabica disturbi della vista voltastomaco sangue nel vomito sensazione di vomito

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Campagna informative sulla rabbia promossa dal Ministero della Salute

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Autore: Redazione - Sanihelp.it
Data ultima modifica: 28-12-2015

Ricerca libera:
Google




Promozioni:

Commenti