Logo
Logo
Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Video
Gallery - Copia il vip
Home > Esami del sangue > Anticorpi anti-endomisio - Esami di laboratorio

Esami di laboratorio

Anticorpi anti-endomisio


Sigla dell'esame: EMA

Questo test rientra nel gruppo di analisi per la diagnosi della malattia celiaca e di altre patologie glutine-sensibili.
Vengono rilevati autoanticorpi diretti contro glutine e gliadina, assunti attraverso la dieta, e causano infiammazione a livello intestinale e danno ai tessuti di rivestimento dell'intestino.
I pazienti possono mostrare sintomatologie assimiliabili anche a malnutrizione e malassorbimento, quali diarrea, debolezza, perdita di peso ingiustificata, dolore e gonfiore addominale, affaticamento, ulcere orali, tendenza al sanguinamento, dolori ossei e articolari, e anemia.
Ad oggi questi test di rilevamento degli autoanticorpi hanno sostituito le biopsie intestinali, prima unico metodo di diagnosi.

L'endomisio è uno strato connettivale che riveste le fibre muscolari dell'intestino tenue. In caso di infiammazione continua dovuta all'ingestione di glutine, si ha la produzione di autoanticorpi diretti contro proteine della matrice extracellulare che modificano le interazioni fibroblasti-cellule epiteliali, alterando la struttura del villo. Ciò in risposta al continuo danno a cui è soggetto l'intestino.
Sono riscontrati nel 100% dei soggetti con celiachia attiva e nel 70% dei soggetti con dermatiti herpetiformi, un'altra patologia glutine-sensibile che provoca eruzioni cutanee pruriginose cocenti.

Nelle misurazioni di questi anticorpi si dà maggiore rilevanza alle IgA poichè sono più specifici per questo tipo di patologie; anticorpi IgG vengo richiesti a completamento.
Anticorpi anti-EMA misurano il medesimo danno tissutale di anticorpi anti-tTG.

INDICAZIONI:Il test viene usato come screening per la malattia celiaca o altre patologie glutine-sensibili, in pazienti che presentano sintomatologia conforme.
Viene eseguito insieme ad altri esami per l'analisi di allergie e intolleranze, poiché sintomi simili potrebbero originare da patologie differenti, come ad esempio, l'intolleranza al lattosio.

È molto importante eseguire questo test in soggetti con storia familiare di celiachia.
PRIMA DEL TESTPRIMA DEL TEST:Non si necessita di digiuno prima del test.
PRASSIPRASSI:Si raccoglie un volume pari a 7 ml in una provetta con tappo giallo, contenente un separatore di siero.
DOPO DEL TESTDOPO DEL TEST:In seguito a prelievo, esercitare una leggera pressione sul punto di puntura per evitare la comparsa di ematoma.
VALORI NORMALI:Anticorpi IgA e IgG anti-endomisio: Negativi
VALORI ANORMALI: Anticorpi IgA e IgG anti-endomisio: > 10 U
VALORI ANORMALI AUMENTATI:
se valori sono superiori (valori alti) rispetto ai valori normali si potrebbe trovarsi in una o più delle seguenti condizioni o patologie.
Se positivo: celiachia
FATTORI CHE INFLUENZANO:Si possono ottenere falsi-negativi nel caso in cui siano stati tolti dalla dieta grano, secale e orzo per un periodo abbastanza prolungato.
In caso di pazienti con IgA carenti, si possono avere falsi-negativi.
NOTE:Pazienti celiachi dovranno seguire una dieta priva di alimenti conteneti glutine e proteine ad esso correlate.

Il livello degli autoanticorpi e i sintomi dovrebbero diminuire; se ciò non avviene, vi è ancora glutine nascosto nella dieta (si trova in svariati alimenti, quali salse e sciroppi per la tosse) o il paziente appartiene ad un ristretto gruppo affetto da forme rare di celiachia che non risponde al cambio della dieta.
a cura di Alessia Palmeri
Fonte: Manuale di tecniche diagnostiche ed esami di laboratorio; McGraw-Hill
Esami medici dalla A alla Z; Tecniche Nuove
Interpretazione dei dati di laboratorio; Edizioni Minerva Medica
Dottoressa Lorenza Rimassa, Vice Responsabile dell’Unità operativa di Oncologia Medica e Dirigente medico presso Humanitas Cancer Center.
Torna alla ricerca degli esami